Categorie: Editorial
Tipo di Contenuto: piccole imprese | sostenibilità
Tempo di lettura: 10 minuti

La piccola impresa è la base del commercio, è qui che nascono nuove idee e diversità, è qui che si trasformano in crescita. Uno degli obiettivi dell’economia riparativa è che le opzioni di business innovative hanno una possibilità di sopravvivenza nella monocultura capitalista. Come ogni nuova specie, la nuova (o piccola) impresa deve trovare un posto, una crepa nel mercato da cui può adattarsi al sistema commerciale dominante e sopravvivere abbastanza a lungo da raccontare la sua storia. È possibile, come dimostra l’esplosione di start-up di piccole imprese negli ultimi decenni, ma è solo una parte della storia. Sebbene le piccole imprese abbiano catturato la parte del leone nella creazione di posti di lavoro negli ultimi dieci anni, la “quota di mercato” delle 500 maggiori aziende è costantemente aumentata.

Le piccole imprese appartengono per lo più all’economia di prossimità e svolgono un’ampia varietà di funzioni: taglio di capelli, consulenza finanziaria, idraulica, vendita all’ingrosso o al dettaglio, distribuzione e appalto di cibo; è questo ruolo sottovalutato delle istituzioni al confine tra cultura ed economia che è più importante. Anche le grandi aziende ne traggono vantaggio perché crescono tanto attraverso nuove acquisizioni quanto attraverso il proprio sviluppo. Idee, brevetti, nuove tecniche e le stesse aziende vengono continuamente inghiottite dalle grandi aziende per il loro maggiore profitto. Inoltre, la rapida distinzione che viene fatta tra grandi e piccole imprese, sebbene misurabile, tende a scomparire se esaminata per un periodo di tempo abbastanza lungo.

Le piccole imprese sono l’arena in cui giocano inventori, pragmatici, idealisti. È qui che possono agire direttamente, chiaramente e positivamente. Poiché sono più vicini ai consumatori – solo una questione di dimensioni – sono in una posizione migliore per insegnare ai loro clienti a distinguere tra un prodotto fabbricato nel rispetto dell’ambiente da un altro. Questo è un compito arduo, perché quando cerchi di agire in modo responsabile nei confronti dell’ambiente, ti trovi in ​​competizione sui prezzi con altre organizzazioni che hanno molti vantaggi e soprattutto la loro disponibilità a farlo. Ignorare (o la loro incapacità di considerare) l’impatto della produzione o consumare i loro prodotti tanto quanto la loro tendenza a fare qualsiasi cosa per venderli. Un altro svantaggio è che la nuova impresa riparatrice non riceve alcun sostegno pubblico o governativo.

Negli anni sono stati messi in atto sofisticati sistemi di sussidi per le grandi aziende e spesso questi sussidi vanno a modalità di produzione o distribuzione completamente obsolete, rendendo ancora più difficile la creazione e la sopravvivenza di giovani imprese. Ad esempio, il governo concede sussidi ai produttori di tabacco nonostante il fatto che le sigarette uccidano più persone di AIDS, incidenti stradali, suicidi, omicidi, incendi, eroina, cocaina e alcol raccolti, ma non c’è aiuto per l’agricoltore che vende le sue verdure. al mercato locale. Tuttavia, le decine di migliaia di imprese di restauro che crescono in America negano la validità dell’idea che l’ambiente e il commercio siano cose opposte. Sono in conflitto solo se continuiamo a costruire il nostro sistema economico e politico nel senso del passato. Ciò che ostacola maggiormente la transizione verso un’economia sostenibile e riparatrice sono i prezzi mantenuti artificialmente bassi dalla mancata considerazione dei costi reali del prodotto o del servizio. Ciò è particolarmente vero quando questi prezzi bassi sono il risultato di sussidi, zero rating o esternalizzazione dei costi.

Mentre molte piccole imprese vengono eliminate dal processo di concorrenza, quelle che sopravvivono, rafforzate dalla loro originalità e dalla sottocapitalizzazione iniziale, spesso si rivelano formidabili concorrenti. Questo è il caso dei famosi Ben & Jerry e The Body Shop. Anche migliaia di altre aziende meno conosciute si stanno muovendo nella direzione di un commercio di riparazione. La rivista In Business stima che 70.000 aziende mirino a ripulire o migliorare l’ambiente. Si va da DejaShoe, Oregon, che produce scarpe con materiali riciclati, a Appliance Recycling Centers of America che lavora con le compagnie elettriche per migliorare i modi di produrre energia scavando macchinari vecchi o non funzionanti, riciclando CFC e metalli ferrosi e immagazzinando con cura prodotti tossici. Le possibilità di creare nuove imprese sono infinite.

Il principio fondamentale di qualsiasi nuova impresa dovrebbe essere quello di utilizzare modalità di produzione sostenibili nella personalizzazione dei propri prodotti o servizi e / o promuovere la sostenibilità in generale nella società. La parola “sostenibilità” può essere definita in termini di carico massimo sull’ecosistema e descritta da modelli di scambio di energia e risorse dentro e fuori il sistema. La sostenibilità è uno stato economico in cui i bisogni delle persone e del commercio possono essere soddisfatti senza ridurre la capacità dell’ambiente di fornire lo stesso servizio alle generazioni future. Possiamo assimilarlo più semplicemente alla regola d’oro dell’economia riparativa: lascia il mondo in uno stato migliore di come l’hai trovato, non prendere più del necessario, cerca di non danneggiare la vita o l’ambiente e se non puoi aiutalo, prova a fornire un risarcimento. Sostenibilità significa che il tuo prodotto o servizio sul mercato non compete in termini di migliore immagine, potenza, velocità, confezionamento … al contrario, devi fornire vestiti, cibo, oggetti o servizi in modo tale che ci saranno meno consumi, meno energia utilizzata, meno concentrazione economica, meno dispersione dei costi, meno erosione del suolo, meno inquinamento atmosferico e altri degradi ambientali.

Se la piccola impresa non rappresenta automaticamente una forma sociale avanzata di organizzazione (può comportarsi male come una grande), il suo lato marginale offre una migliore possibilità di promuovere prodotti, idee e servizi rilevanti. Rispetto per l’ambiente e la società . Mentre le multinazionali non vogliono riconoscere che i problemi sociali ed ecologici sono dovuti ai loro prodotti e alle loro attività, le piccole imprese possono utilizzare questi problemi nella loro strategia per la crescita e il successo. Un’impresa che inizia può incorporare nuove pratiche nelle sue linee guida o, almeno, evitare attività o prodotti che sono per definizione distruttivi. Avviare un’impresa su questi principi, sebbene impegnativo, è certamente meno scoraggiante che cercare di cambiare un’azienda che è già radicata in un mercato e non può trasformarsi in questo modo dall’oggi al domani, senza il rischio di perdite economiche immediate.

La distinzione tra crescita e sviluppo è al centro dell’economia riparatrice. Secondo l’economista Herman Daly: “Crescere significa aumentare di dimensioni aggiungendo o assimilando materia. La crescita è quindi un aumento quantitativo sulla scala delle dimensioni fisiche dell’economia. Sviluppare significa espandere o realizzare potenzialità, arrivare gradualmente a uno stato più completo, più grande o migliore. Lo sviluppo è quindi il miglioramento qualitativo della struttura, composizione e progettazione degli stock fisici di ricchezza, che risulta da una migliore conoscenza delle tecniche e delle finalità. Un’economia in crescita diventa più grande, un’economia in via di sviluppo, migliore. Un’economia può quindi svilupparsi senza crescere o crescere senza svilupparsi ”. La crescita è quindi una questione di dimensione per dimensione, mentre l’idea di sviluppo implica che un prodotto o un servizio aiuterà le persone a utilizzare meno risorse nel lungo periodo e, allo stesso tempo, a migliorare le condizioni di vita. Per l’economia riparativa, un’azienda si basa sull’idea che i suoi prodotti o servizi miglioreranno la vita delle persone qualitativamente, non quantitativamente. L’obiettivo è aiutare le persone a svilupparsi, non aumentare i loro beni. Più piccola è l’azienda, più facile è incorporare questa distinzione.

Prendi il caso della salute. L’attuale sistema di medicina allopatica è un settore in crescita, in parte perché dipende completamente dalla tecnologia e dai farmaci. Sei visite mediche su nove si traducono in una prescrizione, la medicina allopatica rende le persone dipendenti dal “consumo” di sostanze chimiche per far scomparire i sintomi o migliorare le loro condizioni fisiche. Questo sistema prevede grossi budget pubblicitari su riviste specializzate per prescrizioni e in televisione o su altri mezzi di comunicazione per farmaci non convenzionali. Ci vogliono contratti, dispositivi ospedalieri, venditori e tutti gli altri avatar del commercio moderno. I costi per lo sviluppo e il test di un nuovo farmaco sono lasciati solo alle aziende più grandi in questo mercato. I costi di $ 200 milioni per un singolo prodotto non sono rari, il che implica un prezzo di vendita elevato che vieta l’uso del farmaco nei paesi in via di sviluppo fintanto che è protetto da un brevetto. Questi brevetti offrono a queste aziende un monopolio virtuale per molti anni. Ciò consente loro di optare per una politica dei prezzi proibitiva che aumenta i costi dell’assistenza sanitaria per tutti. Questi farmaci sono “economici” perché i costi sanitari complessivi sono alle stelle, un rimedio che evita il ricovero è “risparmiando” decine di milioni di dollari ogni anno per tutti i consumatori. Questo sistema allopatico è quindi altamente redditizio per le aziende che lo controllano. Attualmente ci sono tentativi per diminuire la loro potenza, ma il problema fondamentale non è la capacità dell’industria farmaceutica, ma il sistema allopatico stesso che ti costringe ad ammalarti per stare meglio.

La medicina preventiva, l’alternativa alla medicina allopatica, è un’attività di sviluppo. Si basa anche sulla ricerca scientifica, ma il suo scopo è prevenire il più possibile le malattie, la tossicodipendenza e le cure ospedaliere. È un business a misura d’uomo, di mano in mano, educativo, informa e istruisce i pazienti. In sostanza, riguarda le piccole imprese ed è l’opposto delle pratiche di pubblicità, promozione e viaggio di comodo pagate ai ricercatori. La medicina preventiva offre alle persone un maggiore controllo sulle loro vite, una comprensione delle cause della loro malattia e una via d’uscita dalla tossicodipendenza o dal ricovero in ospedale. È completamente decentralizzato e può essere eseguito da un medico a piedi nudi in Chiapas, in Messico, nonché da un’ostetrica nel Bronx.

La stessa distinzione tra crescita e sviluppo può essere fatta nell’area della produzione e conservazione dell’energia. La dipendenza energetica degli Stati Uniti ha raggiunto un livello allarmante, come dimostrato dalla Guerra del Golfo, dove 100.000 soldati iracheni furono abbattuti o bombardati per liberare la ricca plutocrazia del Kuwait. Se dimentichiamo la propaganda di guerra, ci rendiamo conto che questo attacco è stato effettuato per evitare un’interruzione della fornitura di petrolio alla regione del Golfo Persico. In termini economici si trattava di un sussidio alle compagnie petrolifere, assunto dai contribuenti, una spesa comprensibile se ce ne fosse stata davvero la necessità. Ma in realtà, se il presidente Reagan non avesse revocato l’American Automobile Efficiency Act nel 1984, avremmo risparmiato più petrolio di quello consumato nel 1991. Ciò non significa che le truppe americane e alleate non sarebbero comunque andate nel Golfo, ma si può essere certi che se il Kuwait fosse stato un paese povero e indigente ci sarebbe stato molto meno sostegno a questa guerra e, in primo luogo, non può esserci alcuna invasione.

Un’altra fonte di energia disponibile è l’energia risparmiata dalle misure di risparmio, energia che non può essere controllata dai cartelli o dai governi stranieri. Negli Stati Uniti, abbiamo la capacità tecnologica di ridurre il nostro consumo di energia dell’80%. Grazie ad auto che consumano poca energia, alla reintroduzione di altre modalità di trasporto, a sistemi di riscaldamento e condizionamento estremamente efficienti, grazie all’isolamento e alle nuove tecnologie di illuminazione, il Paese non solo può riacquistare la propria indipendenza energetica, ma anche crearne centinaia di migliaia di posti di lavoro, molti di più di quelli che andrebbero persi riducendo le importazioni di petrolio. Cosa ha a che fare con il nostro soggetto originale? Le industrie del petrolio, del carbone o del nucleare sono tutte industrie in crescita che richiedono enormi investimenti di capitale, non solo in derrick, superpetroliere, macchine, fabbriche ma, come abbiamo visto, anche nelle spese militari. Il risparmio energetico è un commercio di sviluppo. Risparmiare quattro quinti del nostro consumo energetico giornaliero attraverso misure di economia ed efficienza è più redditizio della perforazione di pozzi o del funzionamento di miniere, inoltre è energia prodotta su base rinnovabile. Il risparmio non è comune nella nostra economia di conquista. Eppure, questo crea posti di lavoro e ricchezza, una vera prosperità economica, riducendo al contempo l’impatto complessivo sull’ambiente. L’aria è più pulita, il riscaldamento globale è più lento, ci sono meno piogge acide e l’inquinamento è drasticamente ridotto.

In che modo ciò influisce sulle piccole imprese? Risparmiare energia è uno sforzo della comunità che si tramanda di casa in casa. Se ne occupano le squadre locali. Questo è ovviamente il problema, l’influenza politica delle aziende produttrici di energia fa pendere la bilancia a loro favore, a favore dei loro programmi a scapito del risparmio energetico.

Un esempio di impresa di sviluppo è il disboscamento degli indiani Menominee. Negli ultimi 135 anni, i Menominee hanno praticato la produzione sostenibile sui 12.000 ettari di foresta nel Wisconsin nord-orientale. Durante questo periodo hanno prodotto 28 milioni di metri cubi di legno preservando perfettamente il loro stock. Ad ogni misurazione della foresta (nel 1963, 1970, 1979, 1989, 1999, 2009, 2019), è stato trovato un volume maggiore di legno. Questa conservazione della foresta è stata benefica per la fauna selvatica, i corsi d’acqua e la biodiversità, ma ha anche assicurato un reddito regolare a molti membri della tribù che ha permesso loro di continuare a vivere nei dieci piccoli villaggi della riserva. I Menominee affermano che se pagassimo loro il 10% in più per il legno, potrebbero acquistare nuove attrezzature, aumentare la produttività e quindi essere più competitivi. Ma per quali concorrenti? Contro le aziende che hanno ricevuto le loro foreste gratuitamente nel XIX secolo, quando il governo ha assegnato 90 milioni di ettari alla ferrovia, e che ora acquistano il loro legname dall’Ufficio forestale nazionale a prezzi molto inferiori a quelli di mercato e al valore di sostituzione? E come operano queste aziende? Secondo uno studio recente: “Esteticamente, la foresta di Menominee non ha equivalenti tra le foreste disboscate della regione dei Grandi Laghi … la foresta di Menominee supera di gran lunga la produttività (misurata su base di sostenibilità). Dalla foresta adiacente, Nicolet National Forest, che ha un’area operativa doppia”.

Recentemente, le pratiche di raccolta Menominee hanno ricevuto l’approvazione ufficiale che le ha aiutate a espandere il riconoscimento dei loro metodi. I loro clienti sono ora il Gruppo Knoll, un grande produttore di mobili, e Wal-Mart. Entrambe le società hanno affermato che si riforniranno solo con metodi di produzione sostenibili entro la fine del decennio in corso. Come mai i Menominee utilizzano questi metodi da così tanto tempo? Come spiega Kenneth Loan, direttore forestale del Dipartimento delle risorse naturali del Wisconsin: “I Menominee non vogliono separare la loro foresta dal suo valore ecologico intrinseco. E sociale, poiché non vorremmo separare un dito dalla nostra mano”.

Il seguente elenco di principi di sostenibilità per le piccole imprese non vuole essere una forma di codice di condotta aziendale politicamente corretto inteso a ostacolare le imprese, ma piuttosto un insieme di linee guida generali per la valutazione del design, delle risorse, dell’impatto e degli obiettivi di una piccola o nuova attività commerciale. Ognuno dovrebbe creare i propri criteri per muoversi nella direzione del cambiamento riparativo. Questi criteri devono essere applicabili alle pratiche quotidiane correnti. Queste proposte non sono perfette, ma sono già esistenti o fattibili, il che dà peso all’idea che l’economia possa reinventare il mondo in cui opera pur continuando a prosperare nei mercati.

Imprese sostenibili:

– utilizzano prodotti fabbricati a livello locale o regionale rispetto a prodotti nazionali o internazionali;

– si assumono la responsabilità del loro impatto sul mondo naturale;

– non hanno bisogno di capitale esterno per svilupparsi;

– utilizzano metodi di produzione intrinsecamente soddisfacenti, umani, dignitosi e di qualità;

– creano oggetti durevoli e servizi a lungo termine che, dopo il loro ultimo utilizzo, non si riveleranno dannosi per le generazioni future;

– trasformano, attraverso l’educazione, i consumatori in clienti responsabili.

 

Jerry Wind 

Partner associato della JRC, sede di New York